Home
Nodulo polmonare PET +

Nodulo polmonare PET +

Gentilissimi Dottori, vorrei porre alla Vs cortese attenzione il caso di mia mamma (anni 76) operata ad ottobre del 2010 di neoplasia stenosante del colon sinistro (pT3 N1 M0) e trattata cn chemioterapia adiuvante secondo schema FOLFOX-4 completato ad aprile di qst’anno. Ad una rivalutazione TC eseguita nel mese di luglio e successivamente a settembre u.s. è stata riscoontrata una lesione del lobo medio. All’inizio di novembre 2011 ha eseguito una PET/TC che ha mostrato una lesione ad elevato metabolismo glucidico a livello del segmento mediale del lobo medio del polmone dx (SUV 5.2) di verosimile origine secondaria. Si è successivamente ricoverata per il completamento dll’iter diagnostico-terapeutico. ESAMI EFFETTUATI DURANTE IL RICOVERO: TC torace: rispetto alla precedente indagine di settembre , all’odierno controllo sostanzialmente immodificata per caratteristiche sensitometriche e dimensioni(dimensioni assiali max cm 2) appare l’area di consolidazione parenchimale a margini sfumati localizzati nel segmento anteriore del LSD associata a stria iperdensa. Nel segmento inferiore della lingula si conferma la presenza di piccolo linfonodo calcifico conpatibile cn esito. Nn evidenti tumefazioni linfonodali di significato patologico in sede mediastinica ed ilare bilateralmente. Pervie appaiono le principli vie aeree. Cavità pleuriche libere da versamento. Disomogeneità della ghiandola tiroidea in rapporto alla presenza di noduli. DIAGNOSI: verosimile metastasi polmonare del LS del polmone dx in pz. già trattata per ADK stenosante del colon sinistro (inizialmente pT3 N1 M0). Gozzo tiroideo multi nodulare. Ipertensione arteriosa.

Ora: I medici di reparto di oncologia presso il quale mia mamma ha effettuato chemio e ricoveri vari, consigliano un intervento chirurgico (no biopsia ma nn ricordo cm l’hanno chiamato… praticamente cn un tubo devono bucare il polmone…) per capire cosa sia veramente questa macchia al polmone. premetto che a mamma circa 30 anni fa dignosticarono una calcificazione per un sudore raffreddato…se così si può spiegare. E premetto che prima di effettuare la PET tutti gli esami precedenti risultavano positivi. Infatti ui medici dicono che se nn fosse stato per la PET il caso di mia mamma sarebbe un caso chiuso. Io Vi chiedo: la PET potrebbe aver captato anche questa calcificazione oppure un’infiammazione e l’allarme è dovuto a qst oppure rileva solo metastasi? E ancora: è proprio necessario effettuare l’intevento che richiedono oppure è possibile andare a controllo ogni tot mesi per vedere se la macchia modifica dimensioni e caratteristiche? Ed infine: potrebbe qst tipo di intervento andare a toccare qlcs che sarebbe invece meglio nn toccare??? Resto in attesa di cordiale riscontro

Distinti Saluti

Gentilissima Signora, ho letto con attenzione nella Sua mail la storia medica di Sua madre. Ella è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico per riscontro di un tumore maligno nel colon. L’esame istologico ha evidenziato trattasi di una neoplasia in stadio modicamente avanzato per dimensione e per presenza di metastasi nei linfonodi regionali. Per tale motivo Sua madre è stata poi sottoposta a terapia adiuvante (chemioterapia). La comparsa ora di una lesione polmonare positiva alla PET è molto sospetta per una ripresa di malattia (metastasi polmonare). La PET non è un esame in grado di affermare con certezza la malignità di una lesione, ma con un SUV di 5,2, si avvicina all’80% della probabilità di essere veritiera. L’indicazione ad ulteriori accertamenti è quindi giustissima. Attendere è illogico, poichè se si tratta di una lesione maligna, non si giova certamente di una atttesa. Le possibilità sono quindi quelle della rimozione chirurgica della lesione, o, se si vuole avere l’assoluita certezza di malignità, e se possibile (sede della lesione), di una biopsia della medesima (agoaspirato). Il curante oncologo è la persona giusta per proporre la via migliore.

Cordialmente,
Luigi Santambrogio
Direttore Scuola di Specializzazione in Chirurgia Toracica
Policlinico di Milano

Un commento

Lascia un commento

*

*